BLOG-UP PROMO

data: 24 febbraio 2014

autore: Davide Cavallino - Search Marketer & Copywriter

Tags:

No Commenti »

Adotta un Blogger

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Alcune ricerche a livello internazionale ci confermano che il sito Internet statico è in netto ribasso in tutto il mondo. Dopo anni di ubriacature e backbone inceppati a causa di siti e domini inutili, finalmente i dati ci danno ragione e ci confermano che il “SITO VETRINA” serve solo a chi lo fattura e per farsi bello con la zia.

Molti clienti si lamentano di non ricevere visite utili e soprattutto di non trasformare le visite in interesse concreto (23% di calo visite negli ultimi 12 mesi secondo Netcom), molti addirittura stanno chiedendosi se non è il caso di puntare esclusivamente sui social, trasferendo “armi e promozioni” sui questi nuovi canali  ed in particolare su Facebook ed Instagram.
Sono invece pochissimi (saranno quei pochi che funzionano?) ad adeguarsi alle potenzialità strutturali del web: rassegna stampa; blog corporated e blog/news; videogallery; promozioni aggiornate; newsletter; autorship e collegamenti con i social network; sono solo per una esigua minoranza senza contare la carenza di proposte e-commerce, anche di servizio e non solo di prodotto. Un po’ come avere una Ferrari e andarci a comprare le sigarette.
Questa “NON SCELTA” trasforma la maggior parte dei siti in WEB-ZOMBIES, senza contenuti e quindi senza significato e senza valore; soprattutto per chi non può contare su brand forti e consolidatI nel mercato.

Per questo abbiamo deciso di appoggiare l’idea di Riccardo Scandellari che ha lanciato la campagna: “adotta un blogger.

Una campagna che ci dice:
Il sito aziendale, statico e con contenuti sempre uguali da anni, non ha più speranza di farsi trovare nelle SERP e solo l’iniezione di contenuti freschi e pensati con tecniche giornalistiche, da chi ha esperienza sul campo, è la soluzione.
 Adottando un blogger l’azienda comprenderà come il content marketing e la content curation servano a far tornare visite e interesse nei confronti dei prodotti e servizi aziendali. Dal blogger imparerà come un linguaggio meno ingessato e una comunicazione più vivace possa far crescere la fiducia degli utenti verso il brand. Perché non esiste modo peggiore sul web che non farsi percepire umani e sinceri.

Per questo puoi adottare un un blogger tutto per te, a tempo pieno e su misura; così come offre blog-up.

Perché il BLOG CORPORATED è sempre più utile per diffondere cultura attraverso la Rete e talvolta risulta indispensabile per definire e consolidare le attività di branding online in ogni settore. Uno strumento prezioso per aumentare e posizionare la propria immagine e reputazione, non solo in Rete. Ma la condizione indispensabile per assicurare il successo del vostro BLOG è che sia aggiornato di continuo; vivo e costantemente presente sull’attualità.
Un obiettivo tanto evidente quanto complesso e oneroso da realizzare. Così si vedono, sempre più di frequente, BLOG che di fatto sono inattivi o poco aggiornati. Veri e propri zombie che navigano sperduti e senza bussola, producendo più danni che vantaggi.

Blog-up: un servizio che con un modesto investimento, progetta, costruisce e attualizza quotidianamente il vostro BLOG, o semplicemente lo anima e lo vitalizza per mantenere la vostra visibilità ai massimi livelli di qualità e aggiornamento.

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Tags:

Davide Cavallino - Search Marketer & Copywriter

Davide Cavallino - Search Marketer & Copywriter

Laureatosi in Economia presso l’Università degli studi di Genova, le sue buone capacità di scrittura e l’interesse per il digitale lo spingono ad approfondire gli studi nel mondo del Web Marketing. Grazie ad un percorso di formazione di elevata qualità e all'affiancamento costante di professionisti del settore oggi Davide Cavallino è partner certificato di Google e cerca di comprendere il funzionamento dei Motori di Ricerca e le potenzialità dei Social Networks come strumento di comunicazione aziendale.

Commenti chiusi.

Lascia un commento