SANYO DIGITAL CAMERA

data: 26 maggio 2014

autore: Mario M. Molfino

Tags:

No Commenti »

#asinochiscrive: per dare valore alla scrittura e forza alle parole

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Quando le parole entrano nella casa della moda perdono tutto o quasi il loro significato, ma quando ci entrano con i modi di essere e di fare la febbre sale e la realtà entra in crisi. Due soli esempi tra tutti: CUCINA e SCRITTURA.

E’ vero che la nostra cucina è tra le migliori del mondo e i grandi padri della letteratura occidentale hanno natali italici, ma i più prosaici dati OCSE ci affliggono rilevando che siamo il popolo che legge meno in Europa e dall’ISTAT ci punge vaghezza che anche chi legge, legge poco: tra i lettori il 46% ha letto al massimo tre libri in 12 mesi, mentre i “lettori forti”, con 12 o più libri letti nello stesso lasso di tempo, sono soltanto il 14,5% del totale.

In più; una famiglia su dieci (10,2%) non possiede alcun libro in casa, il 63,6% ne ha al massimo 100.
E per quanto riguarda la cucina? L’ultima campagna delle chips San Carlo firmata dallo schef stellato Carlo Cracco la dice lunga sulla tendenza italiana a premiare le schifezze e i risultati si vedono: malattie cardiovascolari, obesità in crescita e buon appetito alle esigue minoranze.

MA SCRIVIAMO DI SCRITTURA

In un recente passato, quando l’analfabetismo assoluto era diffusissimo, la capacità del cittadino medio si misurava su quanto sapeva leggere e scrivere. Oggi; in poco meno di cento anni, caso più unico che raro, siamo i più asini d’Europa nella propensione alla lettura e, udite, udite, tra i primi al mondo nella produzione di scrittura.
Evidentemente il nostro metabolismo culturale ha qualcosa che non funziona e mentre siamo gli ultimi in Europa per consumo di libri, siamo il Paese che per primo nel mondo ha lanciato un talent show per scrittori esordienti. Marterpiece: oltre 5000 manoscritti con oltre settecentomila pagine lette. A questo che si può definire la punta dell’iceberg del fenomeno, si devono aggiungere tutti i movimenti che si nuotano sott’acqua (corsi, workshop, gruppi social, e-book, concorsi, infografiche, manuali…). Tutti strumenti che contribuiscono a determinare la differenza tra reale e virtuale; tra vissuto e percepito; tra improvvisati e professionisti. Tra scrittura e merda d’artista.

Ed ecco a voi il proliferare di scrittori creativi di ogni genere e fatta. copywriter; ghostwriter, webwriter, più semplicemente writer e in qualche caso shitwriter. L’investimento è minimo. Basta un terminale di scrittura, una connessione Internet e un po’ di furbizia ad uso e consumo di interlocutori disattenti o lievemente inconsapevoli per inventare una professione e farsi persino pagare.

#ASINO CHI SCRIVE!

Quando pochissimi leggono e moltissimi scrivono la scrittura perde valore e anche gli asini diventano writers.
In conclusione: #asinochiscrive diventa un modo provocatorio per riflettere su un modo di essere e di pensare; ma anche di scrivere.asino2

Ed ecco che siamo partiti lancia in resta e abbiamo convinto alcuni asini veri a collaborare con noi, trasformandoli in protagonisti del moderno webmarketing.

Una campagna che speriamo virale, firmata da una delle più e antiche web content corporated italiane che riunisce due realtà come www.blog-up.it e lo storico sito www.copywriter.org. In Rete fin dal 1998.
Due strumenti promossi e voluti da ON STAGE & Partners per potenziare la sua area Web Content Management ed offrire servizi e contenuti di comunicazione ai più alti livelli di qualità.

La campagna #asinochiscrive è volutamente casalinga e realizzata con strumenti basici da:

Direzione creativa e copy concept: Mario Morales Molfino
Junior Copywriter: Marco Berrino
Riprese video: Giorgio Traverso
Social media promotion: Sara Scerbo

Grazie alla collaborazione straordinaria degli asini dell’Agriturismo Il Colletto – Albenga (SV)

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Tags:

Mario M. Molfino

Mario M. Molfino

Mario Morales Molfino Coordinatore editoriale Esperto di comunicazione multimediale, Copy senior e Webwriter. Redattore di www.assodigitale.it, redattore senior e Guest in www.brandforum.it. Redattore di www.stileitalianomagazine.it - Strategy manager e Partner in ON STAGE SRL; founder e presidente emerito di Academy of the African Communication; founder di www.m-team.it, la prima esperienza europea di nomadismo digitale. Dal 1975 cavalca l’universo della comunicazione frequentandone i diversi satelliti e tentando di comprenderne ed approfondirne le nuove complessità. Dall'advertising al 2.0, ha sposato da sempre l’innovazione come cavallo di battaglia. Dal 2011 rientra in Italia, dopo un’esperienza di sette anni con le Nazioni Unite, si occupa di formazione e collabora con le più prestigiose testate del settore MAR – COM.

Commenti chiusi.

Lascia un commento