osse

data: 22 gennaio 2014

autore: Mario M. Molfino

Tags:

No Commenti »

Branded entertainment e web: un amore corrisposto 

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Branded entertainment;  un altro anello protagonista si aggiunge nella nuova catena del content marketing e del branded content. Una convenzione internazionale adottata dall’ANA (Association of National Advertisers); anche se l’area delle attività del branded entertainment non è ancora ben definita, anche grazie alla continua e costante evoluzione della comunicazione, soprattutto in Rete.
Un’attività di comunicazione dalla storia antica che prese il via negli anni ’30 grazie ai marketing manager di P&G per mezzo delle più diffuse e amate soap opera e oggi ritorna prepotentemente sul palcoscenico italiano, imponendosi ai principali players dell’industria dell’intrattenimento e ai grandi brand sempre attratti da forme di comunicazione più engaging.
Si tratta infatti di una opportunità per le marche che intendono comunicare più efficacemente i propri valori ai consumatori, sfruttando lo storytelling del contenuto e il valore percepito dell’ambiente (media brand) in cui si inseriscono.

Una nuova sfida per le case di produzione e i creativi che devono trasformare gli obiettivi di comunicazione delle aziende in contenuti fruibili, di qualità ed emotivamente validi per costruire un legame forte e mirato con i propri target.
Negli Stati Uniti secondo Veronis Suhler Stevenson l’attività di branded entertainment vale 25 miliardi di dollari, un giro d’affari cresciuto del 10,6% tra il 2004 e il 2010. Il trend è positivo anche sui prossimi anni: nella previsione di Veronis Suhler Stevenson entro il 2014 questo tipo di comunicazione crescerà del 9,2% rispetto al 2,2% della tabellare classica.
Una ricerca Forrester condotta nel 2011 sulle 110 aziende top spender negli Stati Uniti afferma che il branded entertainment ha sedotto il 63% dei responsabili marketing, rendendo così questa alternativa forma di comunicazione una strategia condivisa da molte aziende. Ma, come al solito non tutto è oro quello che luce e proprio per questo i professionisti del content marketing avranno occasione di approfondire il tema in un interessante convegno che si svolgerà a Roma Il 28 gennaio 2014,  presso l’Università LUISS Guido Carli. Nel corso dell’incontro, saranno presentati i risultati integrali della prima ricerca in Italia che ha permesso di ricostruire e analizzare la percezione del fenomeno  da parte del consumatore-spettatore.
L’indagine che coinvolge la popolazione italiana attraverso focus groups e questionari  ha il fine di far luce sul grado di conoscenza del consumatore nella decodifica del branded entertainment e la capacità di integrarlo nelle proprie scelte di consumo.

PROGRAMMA
14:30 Indirizzo di saluto LUISS Business School
14:45 Presentazione a cura di Elena Grinta, Direttore Generale Osservatorio Branded Entertainment
15:00 Il branded entertainment nella percezione del consumatore-spettatore
Presentazione delle evidenze di ricerca a cura di Maria Luisa Bionda,  2B Demoskopea
16:00 Tavola Rotonda con:
ANNALISA DECANEVA,  Branded content marketing manager Illy
EMANUELE LANDI, Director of AdSales&Brand Integration, Fox International Channels Italy
ANDREA SCOTTI, Brand partnership manager Fremantle Media
 – PAOLO IAMMATTEO, SVP Comunicazione e CSr Enel
GIULIANO CIPRIANI, VP, Direttore Generale Discovery Media
 – FRANCESCA SORGE, Senior Branded Content Consultant Discovery Media – 
CINZIA PIROVANO, Advertising Manager Mycs Company – PUPA
LAVINIA FAZIO, PR&Digital Strategy Mycs Company – PUPA
FULVIO ZENDRINI, consulente presso F.lli Orsero GF, Autogrill SPA, Italiana Petroli – API
Moderatore: GIOVANNA MAGGIONI, Direttore Generale UPA

17:30 chiusura lavori

Il Convegno è gratuito e per partecipare è necessario confermare la propria adesione a: info@osservatoriobe.com, lcbc@luiss.it.

Una iniziativa che nasce su iniziativa di Elena Grinta, fondatrice dell’Osservatorio OBE, già responsabile del marketing operativo nella concessionaria MTV Pubblicità e con una lunga esperienza nel marketing strategico in aziende nazionali e internazionali. Oggi è Direttore Generale dell’Osservatorio del Branded Entertainment, consulente in brand building strategy e docente di strategie di branded entertainment presso Luiss Creative Business center.
Per approfondire: Osservatorio Branded Entertainment e Brandforum

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Tags:

Mario M. Molfino

Mario M. Molfino

Mario Morales Molfino Coordinatore editoriale Esperto di comunicazione multimediale, Copy senior e Webwriter. Redattore di www.assodigitale.it, redattore senior e Guest in www.brandforum.it. Redattore di www.stileitalianomagazine.it - Strategy manager e Partner in ON STAGE SRL; founder e presidente emerito di Academy of the African Communication; founder di www.m-team.it, la prima esperienza europea di nomadismo digitale. Dal 1975 cavalca l’universo della comunicazione frequentandone i diversi satelliti e tentando di comprenderne ed approfondirne le nuove complessità. Dall'advertising al 2.0, ha sposato da sempre l’innovazione come cavallo di battaglia. Dal 2011 rientra in Italia, dopo un’esperienza di sette anni con le Nazioni Unite, si occupa di formazione e collabora con le più prestigiose testate del settore MAR – COM.

Commenti chiusi.

Lascia un commento