facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Se si osservano i diversi universi che girano intorno al branding si può infatti notare che anche con la complicità della crisi ci obblighiamo a rallentare anche per evitare passi più lunghi della gamba.  E così alcuni brand tra i più attivi stanno rallentando ed allungando i tempi di contatto con i propri stakeholder, creando nuovi spazi fra on e off line, in un’ottica più olistica. A misura d’uomo.
Ed ecco che per far luce su questo fenomeno e rispondere ai perchè di questa domanda di rallentamento,  esce un nuovo volume di Patrizia Musso, per i tipi di Franco Angeli: “Slow Brand. La gestione socio-economica della marca contemporanea”. Uno strumento approfondito ed efficace per tutti i professionisti della comunicazione che si dipana in quattro  aree tematiche:  le slow advertising (da Carosello Reloaded agli spot del Super Bowl); gli slow places (dai nuovi punti vendita ai musei aziendali);  le slow factory (che coniugano Internal Branding, Welfare aziendale e CSR); il paradossale slow web (dai cortometraggi digitali brandizzati ai loop comunicativi con il mondo off line).
Approfondimenti e analisi di casi nazionali ed internazionali,  sui temi caldi, come la CSR per la slow ADV, le utilities per gli slow places, il mondo del business-to-business per le slow factory, l’area dei digital mag lanciati da importanti brand del settore lusso per lo slow web.
In copertina la simpatica tartaruga firmata da Elena Pellegrini ci invita a pensare all’antico adagio: “Chi va piano, va sano e va lontano”.

Primi passi verso un nuovo modo di interpretare la vita e il tempo, persino in comunicazione. Saranno le prime avvisaglie del cambiamento verso una direzione di marcia più umana e sostenibile o la solita storia del: “passata la crisi, gabbato lo santo”.?  Solo il tempo ci potrà rispondere e buon slow a tutti, anche a quelli che non ballano.

Patrizia Musso, tra i maggiori esperti e studiosi italiani di external e internal branding, ha ideato e dirige dal 2001 Brandforum.it, osservatorio culturale sul branding. Da diversi anni insegna “Storia e Linguaggi della pubblicità” e “Forme e Strategie della comunicazione digitale” presso l’Università Cattolica di Milano. Consulente strategico per diverse aziende e senior trainer, ha al suo attivo numerosi articoli sui temi della comunicazione di marca e d’impresa; per FrancoAngeli è autrice di I nuovi territori della marca (2005, 2a ristampa 2009), Internal Branding (2007) e Brand Reloading (2011, ristampa 2012). L’autrice è anche fondatrice e direttore responsabile di Brandforum; l’osservatorio culturale sul branding più prestigioso ed autorevole in Italia.

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail