tendenze-di-lavoro-2014

data: 5 giugno 2017

autore: Davide Cavallino - Search Marketer & Copywriter

Tags: , , , , ,

No Commenti »

Il lavoro digitale secondo Google

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

La rete Internet cresce a vista d’occhio e tutte le attività legate al suo indotto produttivo si sviluppano di conseguenza. Così Google uno dei più influenti players dell’universo WEB ci indica, a proposito di lavoro, le figure professionali più ambite e con maggiori possibilità di intraprendere una carriera di successo. Le professioni “calde” secondo il grande engine sono infatti legate alla comunicazione online e ai servizi integrati che ne conseguono. Ma non è tutto oro quello che luccica; perchè come al solito i furbetti e gli improvvisati la fanno da padrone. Fantasmagorici lanci di corsi, incontri, meeting, seminari, pieni di promesse, ma promossi da novelli “ilgattoelavolpe” della situazione. Esche per giovani avannotti che in cerca di un lavoro o di una professionalità abboccano a inutili bla-bla senza alcun costrutto pratico. Operatori del settore che a forza di promesse impossibili, infarcite da improbabili inglesismi di facciata. Tutto molto più cool ma, nei fatti e nella maggior parte dei casi buoni per prendere il potenziale cliente per il cool. Il risultato: nessuno crede più a niente e nessuno si fida più di nessuno. Consiglio per gli acquisti: chiedete e controllate le credenziali: Esperienza documentata nel tempo e lavori realizzati, con eventuali risultati conseguiti. Queste sono comunque le posizioni più appetite dal mercato del lavoro: Sviluppatore di Applicazioni Il traffico web rappresentato da dispositivi mobili vale, in Italia, più del 30% e crescerà di 9 volte in 5 anni (dati Cisco), e veicolarlo mediante una applicazione efficace consente di massimizzare i profitti. Diventare o sviluppare la propria attività di App Designer è quindi un sicuro investimento su di una professionalità che, a partire dal 2014, sarà certamente fra le più richieste nel mondo digitale. Blogger “Contents is king”. Parola di Google e non solo. La gestione dei contenuti e il content marketing sono il presente e il futuro della Rete. La professionalità del blogger si riconosce dal numero di progetti cui ha partecipato e dal numero dei suoi sostenitori. Se infatti scrivere articoli di qualità è importante, in America è diventato fondamentale possedere anche un buon numero di seguaci su Google Plus, per una proficua integrazione con il programma di Google Authorship. In Italia questa richiesta non è ancora diffusa ma, con il passare del tempo, sarà un elemento di preferenza nei confronti della scelta del candidato. E’ fondamentale scrivere bene ma è altrettanto indispensabile scrivere SEO. Social Media Manager Facebook, Google Plus, Twitter, LinkedIn e Instagram sono i campi di applicazione principali per il curatore dell’immagine aziendale, che comunica e dialoga con i follower delle varie pagine delle società. Non solo comunicazione e dialogo, ma anche capacità nell’utilizzo degli strumenti a pagamento che i Social Media offrono per rendere virale un contenuto. Se infatti, sino a qualche anno fa, comunicare equivaleva a pubblicare, oggi i social network danno sempre maggior risalto alle notizie sponsorizzate (in particolare Facebook), e ottenere buoni risultati non è più un compito banale anche per il social media expert più capace. E-Commerce manager Un professionista capace di gestire sia i problemi logistici legati alla vendita (customer care, consegne etc), sia di aumentare in modo considerevole il fatturato. Si occupa di integrare al meglio i servizi delle tre professioni precedenti e di sviluppare per l’azienda un portfolio di canali di vendita orientate alle nuove tecnologie. Vendere su internet, sia tramite applicazione sia tramite sito web, è il suo obiettivo primario, e la cura del cliente la sua ragione di vita. Attenti la lupo e alla gramigna. Arti e mestieri per i quali serve precisione, meticolosità, continuità e visione creativa. Ma è fondamentale l’aggiornamento continuo, perchè la Rete non dorme mai e gli operatori che vi navigano devono viverla giorno per giorno, minuto dopo minuto, per essere sempre agganciati ad una realtà dinamica che come nella canzone di Paolo Conte. “si muove anche di notte e non sta ferma mai“. L’esperienza si fa quindi con l’aggiornamento permanente. Dopodichè si deve sperare che l’impresa a cui si offrono i propri servizi abbia ben capito che cosa stiamo proponendo. Ma facciamo attenzione perchè la furbizia non paga; è come la gramigna che si diffonde e cresce in fretta, ma ha il potere di infestare il campo e quando il campo è infestato non ce ne sarà più per nessuno.

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Commenti chiusi.

Lascia un commento