top-google-ranking-tips-2015

data: 8 agosto 2016

autore: Mario M. Molfino

Tags:

No Commenti »

Per raccogliere frutti; scrivi bene e scrivi SEO

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Il valore della tecnica di scrittura per garantirsi un posizionamento vincente. Una lotta continua con gli algoritmi che i motori di ricerca implementano per gestire il controllo dei contenuti e farli salire o scendere nel prezioso ranking di Google.

Ed è infatti proprio da questo che dipende il successo del vostro blog e dei vostri contenuti pubblicati in Rete.

Per aiutarvi ad eccellere in questa complicata battaglia, pubblichiamo per voi questo utilissimo articolo del nostro Blogger Roberto Zarriello. Uno dei più prestigiosi specialisti nel settore della promozione in Rete.

Come scrivere un post in ottica SEO, il potere delle keyword

Quando un potenziale lettore cerca un argomento su un motore di ricerca, si trova davanti ad una lista ed è naturalmente portato a cliccare sui primi risultati, sicuro del fatto che Big G abbia effettuato la giusta selezione.

Se il tuo blog non compare ai primi posti di questi risultati, difficilmente avrà le visite che merita, per quanto bravo nella scrittura tu possa essere.

Ecco perché è importante che ogni articolo o post sia scritto ottimizzato in ottica SEO, ovvero mettendo a punto una serie di accorgimenti per “aiutare” Google a capire di cosa parla il tuo post e fargli capire che merita di essere posizionato ai primi posti.

 Il titolo dell’articolo è il primo protagonista

Quando scegli il titolo per il tuo post pensa: a quale domanda risponde? Il mio potenziale lettore come cercherebbe quell’argomento su Google?

Forse sei finito su questo articolo perché hai cercato ”come scrivere post SEO” e ti sei ritrovato qui, non è certo un caso!

Pensa ad una keyword e cerca di inserirla all’inizio del titolo, ma attenzione: il tuo articolo non deve sembrare scritto da un robot!

Il primo paragrafo in primo piano

La keyword che hai scelto dovrebbe essere inserita anche nel primo paragrafo, così da confermare al motore di ricerca il tema che stai per affrontare. Il primo paragrafo deve essere breve, spiegare cosa contiene l’articolo e invogliare il lettore a continuare la lettura.

I titoli dei paragrafi

Ogni articolo dovrebbe essere suddiviso in paragrafi, proprio come quello che stai leggendo, non solo per facilitare la lettura – soprattutto in caso di post long-form – ma anche per inserire nei titoli dei suddetti ulteriori keyword che riguardano il nostro testo e che “rafforzano” la sua posizione agli occhi di Google.

Le parole chiave

La prima regola della scrittura SEO è quella di utilizzare sì la parola chiave che hai scelto, ma non ripeterla troppe volte. Il trucco sta nell’utilizzare dei sinonimi e delle parole correlate alla nostra keyword

SEO title, meta description, immagini e alt tag

Quando scriviamo in ottica SEO, è importante anche il testo che passa inosservato o che addirittura non si vede. Se usi wordpress, probabilmente hai installato il plug-in SEO by Yoast che ti permette di definire un titolo SEO e una meta description, ovvero il titolo e il testo che compaiono nello snippet di Google. Anche in questi casi è fondamentale che sia presente la parola chiave e che si rispetti il limite di caratteri previsti, o il tuo testo risulterò tagliato.

Bisogna prestare attenzione anche alle immagini: rinominale sul tuo pc seguendo sempre le parole chiavi e il titolo e, una volta caricate su wordpress, definisci anche un Testo Alt: è un’ulteriore occasione di inserire altre parole chiave collegate all’immagine.

Outbound sì, outbound no…

Da un punto di vista informativo, quando citi una fonte o un sito di approfondimento è giusto linkarli, in modo tale da aiutare il lettore a visitarli qualora lo volesse. Dal punto di vista SEO la questione è molto delicata: outbound link sì, ma non troppi e solo se si tratta di fonti autorevoli. Ad esempio, se questo articolo parla di SEO, è giusto che lo linki ad un post di Copyblogger – fonte autorevole – su come scegliere le keyword. Ma questo non vuol dire che il mio articolo possa essere pieno di link a fonti autorevoli: Google penserebbe che li sto linkando solo per scalare la vetta dei risultati!

Queste sono solo pochi e semplici consigli su come muovere i primi passi con la SEO. A presto ulteriori approfondimenti, intanto ti lasciamo con questa interessante infografica che fornisce interessanti spunti.

seo-infografica

Una semplice e breve descrizione di quello che si deve fare per andare in testa nei motori  e restarci; ma a questo proposito gli specialisti di www.blog-up.it che saranno sempre e gratuitamente a vostra disposizione, con un piccolo consiglio: per essere blogger, giornalisti o content manager, non dimenticate mai la sintassi e il corretto uso della lingua italiana.

Un caro saluto e buone vacanze a tutti.

 

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Tags:

Mario M. Molfino

Mario M. Molfino

Mario Morales Molfino Coordinatore editoriale Esperto di comunicazione multimediale, Copy senior e Webwriter. Redattore di www.assodigitale.it, redattore senior e Guest in www.brandforum.it. Redattore di www.stileitalianomagazine.it - Strategy manager e Partner in ON STAGE SRL; founder e presidente emerito di Academy of the African Communication; founder di www.m-team.it, la prima esperienza europea di nomadismo digitale. Dal 1975 cavalca l’universo della comunicazione frequentandone i diversi satelliti e tentando di comprenderne ed approfondirne le nuove complessità. Dall'advertising al 2.0, ha sposato da sempre l’innovazione come cavallo di battaglia. Dal 2011 rientra in Italia, dopo un’esperienza di sette anni con le Nazioni Unite, si occupa di formazione e collabora con le più prestigiose testate del settore MAR – COM.

Commenti chiusi.

Lascia un commento